Top Navigation

Left Navigation

Content

Ultimo Aggiornamento 2 gennaio 2018

ANACLETO VERRECCHIA (Vallerotonda, 1926-Torino, 2012) ha scritto libri fondamentali su Bruno (Giordano Bruno: Nachtfalter des Geistes), Prezzolini (Giuseppe Prezzolini, l’eretico dello spirito italiano), Lichtenberg (Georg Christoph Lichtenberg, der Ketzer des deutschen Geistes), Nietzsche (La catastrofe di Nietzsche a Torino) e Schopenhauer (Schopenhauer e la vispa Teresa) di cui ha tradotto numerose opere. Una vita d’eccezione ne impronta gli scritti: addetto culturale a Vienna (Rapsodia viennese; Incontri viennesi), alpinista e viaggiatore (Vagabondaggi culturali; La stufa dell’Anticristo), novelliere (Cieli d’Italia; Die Verzauberung). La sua filosofia più personale è racchiusa nel Diario del Gran Paradiso e nelle postume Lettere Mercuriali.

Sidebar

Footer