Top Navigation

Left Navigation

Content

Ultimo Aggiornamento 2 gennaio 2018

Copertina di Il sacro, l'osceno, il diverso

Il sacro, l'osceno, il diverso
Scritture della devianza nel Novecento Europeo

isbn: 9788884101105
pagine: 149
prezzo: 15.60 €
Collana «Biblioteca Clinamen», 11
anno 2007

Autore:
Marco Nuti

Facebook

La devianza, proteiforme per natura, dalla geometria, geografia e assiologia variabili, è sempre uno sguardo dell'Altro. La scrittura della devianza appartiene tanto al regime diurno quanto al regime notturno dell'immagine, e rappresenta, di volta in volta, sia la dimensione solare, eroica, sia la dimensione occulta, inquietante, dell'animo umano. Momento di una "politeistica" relatività dei valori, la devianza può essere denotata in accezioni plurali e differenti: positive e/o perturbanti, progettuali e/o radicalmente trasgressive, proprio come per gli autori oggetto di questa indagine. Da Baudelaire a Joyce, da Michaux a Bacon, da Deleuze a Blanchot, da Kafka a Musil, da Klossowski a Jaccottet, Robbe-Grillet, Bataille, sino a tutta l'esperienza del Surrealismo, l'emergere del negativo si accompagna al dissolversi delle grandi ideologie nonché allo smarrirsi dei solidi e rassicuranti riferimenti tradizionali. Questi autori esprimono lo strappo e lo smarrimento dell'uomo contemporaneo. Con mossa estraniante, scrivono, leggono, disegnano e scolpiscono, pensano e osservano - secondo una procedura cara ad Artaud - dalla prospettiva di uno sguardo de traviole, obliquo sul mondo. Decompongono, destrutturano forme e di nuove ed inedite aprono e creano, facendo violenza sul linguaggio, deterritorializzando il Reale ingannevole, operando deviazioni su biforcazioni e sentieri inesplorati. Accomunati da un percorso "alla deriva", gli scrittori, filosofi e artisti qui rappresentati scompongono il soggetto in soggetti plurimi: fragile ipseità incarnata, il Soggetto vive su di sé la dispersione, la pluralità, la instabilità. L'essere diviene silenzio o abisso. La logica appare percorsa de crepe. L'Incerto fondamentale si acquatta dietro tutte le certezze locali, in una dirompente e magmatica eversione della scrittura e della rappresentazione visiva.

Sommario:

I.  HENRI MICHAUX E L'ELOGIO DELL'INFERMITÀ
II.STRATEGIE DELLA RAPPRESENTAZIONE. DESACRALIZZAZIONE DELL'IMMAGINE FIGURATIVA TRA DELEUZE E BACON
III.  L'ALLEGORIA CRISTIANA DELLA MODERNITÀ. LE BAPHOMET DI PIERRE KLOSSOWSKI
IV.  MÈLANGES SCRITTURALI. IL CINE-ROMANZO DI ALAIN ROBBE-GRILLET
V.  FRANZ KAFKA E LA SCRITTURA DELLA RECLUSIONE
VI.  PHILIPPE JACCOTTET E IL SACRO
VII.  GEORGES BATAILLE E LA FISIOLOGIA DELL'OSCENO
VIII.  CARTOGRAFIE SURREALISTE
IX.  IO-NOI / IO-ALTRO. DEFLAGRAZIONI DEL SOGGETTO DA BAUDELAIRE A JOYCE
X.  MAURICE BLANCHOT E LO SPAZIO DELLA LETTURA

Sidebar

Footer