• StranieritÓ
  • Una filosofia dell'altrove
Copertina
9788884102683
102
10,40
Brevia, 32
9788884102683
102
10,40
Brevia, 32

Con il neologismo di stranierità, l’autrice intende sottolineare la situazione dell’essere stranieri propria dell’uomo contemporaneo. E ciò non soltanto sotto il profilo, potentemente evocativo, dell’immagine metaforica a cui con quel termine si può rimandare, ma anche, in prima istanza, sotto un profilo pratico, reale, mondano. Stranierità significa ripensare l’alterità e, insieme ad essa, fare nuovamente i conti con la filosofia quale «disciplina di frontiera», il cui compito è il tentativo costante di trasgredire i confini del suo stesso territorio. La migrazione, intellettuale e geografica, l’essere sempre e comunque stranieri, è esposizione e metamorfosi al contempo, strumento potenzialmente rivoluzionario, cesura nella ovvietà della vita quotidiana. Attraverso una originale rilettura di alcune categorie del pensiero di Heidegger e di Blumenberg, Manuela Verduci definisce la trama argomentativa con cui costruisce quell’idea di stranierità come «dispositivo del cominciamento», «feconda fonte di irrequietezza» e dunque esigenza di libertà.

Informiamo i nostri lettori che la quarta edizione del volume MAX STIRNER La società degli straccioni. Critica del Liberalismo, del Comunismo, dello Stato e di Dio è andata esaurita.

Per informazioni sulle ulteriori disponibilità del titolo vedi il dettaglio.

 

Dettaglio

– 30%
su tutti i volumi
+ 15 segnalibri in omaggio


Dettaglio

RITARDI NELLE CONSEGNE

Dettaglio