Top Navigation

Left Navigation

Content

Ultimo Aggiornamento 2 gennaio 2018

Copertina di Anime belle

Anime belle
Poetica e modernità

isbn: 9788884101426
pagine: 138
prezzo: 16.00 €
Collana «Philosophia», 18
anno 2009

Autore:
Francesca Crocetti

Facebook

Questo libro si rivolge a chi vuole trovare il tempo per fermarsi. E per fermarsi, diventa necessario riscoprire un significato d'altri tempi, il significato eterno della bellezza, dell'anima, del pensare. Le voci di questo libro esaltano la poeticità, la creatività artistica dello spirito, opponendosi al pensare rigido e calcolatore della ragione: Vico contro Descartes, Kierkegaard contro Hegel, il "primo" Heidegger insieme ad Agostino, il "tardo" Heidegger insieme a Hölderlin, Nussbaum insieme a Nietzsche e aldilà di Schopenhauer. "Anime belle", appunto. Tutte. Ma c'è anche la voce di Hannah Arendt, ed è voce dissonante, che parla contro l'isolamento e la privatezza dell'esperienza artistica e che richiama l'attenzione sulla sfera pubblica e sulla politica: dobbiamo ricordarci del mondo, che è sempre un mondo che condividiamo con gli altri.

Sommario:

  1. Senso musicale in Vico. Silenzi e suoni della "Scienza Nuova"
  2. Hegel e l'anima bella. La questione irrisolta della "Fenomenologia dello spirito"
  3. Heidegger interprete di Agostino. Il sé fra dispersione e integrazione
  4. Heidegger e Antigone: l'autentico "unheimliche" da violento creatore a spirito poetico
  5. Nietzsche e il superamento della rassegnazione di Schopenhauer. La tragedia greca per l'affermazione della vita
  6. La critica di Hannah Arendt a Heidegger. Il ritorno nel mondo-con-gli-altri

Sidebar

Footer