Top Navigation

Left Navigation

Content

Ultimo Aggiornamento 14 settembre 2020

Copertina di Soggetto e fantasia

Soggetto e fantasia
Per una antropologia macchinica

isbn: 9788884103062
pagine: 122
prezzo: 18,90 €
Collana «Critica e Crisi», 2
anno 2020

Autore:
Ubaldo Fadini

Facebook

Trasformazioni dell’umano, metamorfosi antropologiche: sono alcune delle formule a cui si fa correntemente ricorso per indicare un presente di configurazione dell’umano sempre più connotato dal rapporto stretto con determinate progressioni tecnologiche. In questa prospettiva, Ubaldo Fadini si confronta con alcuni sviluppi della filosofia contemporanea che sottolineano la centralità della fantasia come facoltà in grado di restituire al meglio la peculiarità di un soggetto che fa della invenzione/innovazione la sua più importante, decisiva, ragion d’essere.

È una singolare figura del soggetto quella che in questo studio viene mostrandosi: un soggetto costitutivamente collegato a potenzialità/virtualità che possono far pensare a come le dinamiche oggi date dell’assoggettamento, di qualsiasi genere, non siano le sole realizzabili. Meglio ancora: qui si delinea un’antropologia “macchinica”, contrassegnata dalla rilevazione del manifestarsi sempre più evidente di una processualità composta da molteplici singolarità, che ci restituisce un’immagine della soggettività umana integrata a macchine, sistemi di macchine e a produzioni sociali ben determinate.

Comporre e assemblare: risultano dunque queste le pratiche effettivamente/concretamente/materialmente significative di un tempo, come quello presente, segnato dal prodursi di relazioni costitutivamente “aperte”, che sempre meno sopportano identificazioni di carattere essenzialistico e di fatto violente.

Sidebar

Footer